Uno strumento prezioso per lo psicologo: il Rorschach

Nella mia pratica di Psicologo, Psicoterapeuta, Specialista in Psicologia Clinica presso il mio studio di Via Le Chiuse 57, in Torino, mi è capitato sovente di utilizzare test psicologici nella fase preliminare di un percorso psicologico che viene definito “fase di valutazione psicodiagnostica”. In questa fase, tramite colloqui psicologici e test, si cerca di fare un sorta di “fotografia” della condizione psichica della persona che si rivolge allo psicologo per risolvere il suo disagio.
In tale contesto ci si può pertanto avvalere di preziosi strumenti psicodiagnostici quali i test, con lo scopo di capire un po’ di più del funzionamento psicologico dell’individuo, in modo tale da comprendere quale tipo di trattamento impostare in futuro. Uno dei test più importanti utilizzati dagli psicologi in questa fase preliminare del percorso psicologico è senza dubbio il test di Rorschach.

Un po’ di storia del test

Hermann Rorchach è stato un importante psichiatra svizzero nato nel 1884 che ha sempre nutrito una grande passione per la pittura. Nel suo lavoro cercò per anni di analizzare le capacità creative dell’essere umano e come esse si intersecassero con le specifiche caratteristiche di personalità.
Per ben dieci anni lavorò alla costruzione di questo test che doveva fornire informazioni sulla personalità del soggetto sulla base di esperienze percettive che consistevano nel dare una libera interpretazione a delle forme “casuali”. Cosa significa tutto ciò? Significa che Rorschach ideò un test per comprendere i tratti di personalità di un individuo tramite le risposte verbali che egli dava a degli stimoli visivi ambigui.
Ma in cosa consiste il test?... Il Rorschach è composto da 10 tavole con all’interno delle macchie di inchiostro che presentano ciascuna due parti simmetriche: ce ne sono di monocromatiche (con sfumature differenti di grigio-nero) e di colorate (due grigio-rosse e tre con diversi colori). Nel somministrare il test, lo psicologo chiede al soggetto cosa potrebbe essere ciò che vede nelle tavole. Rispondendo cosa potrebbero essere le macchie che vede, l’intervistato “tira fuori” parti di sé…il proprio modo di percepire il mondo esterno e le caratteristiche del proprio mondo interno, aspetti basilari del funzionamento cognitivo ed affettivo…dal tipo di risposte che viene fornito e dalla qualità dei contenuti che emergono, si possono estrapolare importantissimi aspetti psicologici e psicopatologici di personalità del soggetto, così come elementi riconducibili ad ansia, depressione, impulsività, sentimenti di vuoto, rabbia e aggressività, problemi di ossessività, caratteristiche improntate a originalità e creatività ecc…insomma, l’individuo, dando queste risposte su stimoli ambigui (che non rappresentano nulla di reale), apre involontariamente “una finestra” su di sé e sul proprio mondo psicologico...

Rorschach e psicologo online: una prospettiva possibile?

Quando una persona si rivolge per la prima volta ad uno psicologo e intraprende un percorso preliminare di valutazione psicodiagnostica, apre una finestra su di Sé e sul proprio mondo interno: è importante che lo psicologo sia consapevole del fatto che il paziente ci sta offrendo un contributo molto prezioso… talvolta produce uno sforzo considerevole nel fare questo. È importante rendersi conto che, pur essendo un contesto di aiuto psicologico, la persona che si sottopone ad una test si trova ad affrontare comunque una situazione di valutazione…e che si trova a portare degli aspetti di sé ad un perfetto sconosciuto…
Nel corso della somministrazione del test di Rorschach, pertanto, è fondamentale garantire alla persona un ambiente confortevole e sereno…inoltre lo psicologo deve mostrarsi attento e disponibile. È fondamentale che lo psicologo sia a conoscenza delle motivazioni che hanno portato la persona in questione a rivolgersi ad uno studio psicologico e soprattutto non circoscrivere il rapporto tra psicologo e paziente alla semplice somministrazione del test. Ecco che quindi è necessario che il Rorschach sia preceduto da una serie di colloqui che permettano di creare un clima di maggiore confidenza tra psicologo e paziente, in modo tale che il test non venga vissuto con ansia o tensione.
Per questo motivo, non è affatto consigliabile che lo psicologo online effettui un test così delicato e complesso in un contesto di videochiamata Skype…innanzitutto si perderebbero degli elementi di natura visivo-percettiva importantissimi: è normale che la qualità della percezione dei colori e delle sfumature si perda un po’ nel contesto online. Inoltre, nel corso della somministrazione del Rorschach, sono fondamentali degli aspetti che possono essere effettuati solo di persona…per esempio la consegna della tavola oppure il guardare insieme dove si sono viste determinate cose all’interno della tavola.
Pertanto, per una questione di correttezza dello svolgimento del test e soprattutto al fine di ottenere delle informazioni preziose e affidabili sulla personalità del soggetto, lo psicologo non deve somministrare il test di Rorschach in un contesto online.