Il cane è il miglior amico dell’uomo e non solo: la Dog-Therapy

In diversi articoli del nostro blog abbiamo descritto ampiamente i benefici della Pet-Therapy in molteplici ambiti: nella riabilitazione, con i malati ospedalieri, con gli anziani, con i bambini, nelle condizioni di disagio psichico, ecc.
Abbiamo potuto scoprire come il contatto con gli animali favorisca il rilascio di endorfine e contribuisca al benessere psicofisico dell’individuo.
La stimolazione sensoriale con l’animale genera sensazioni piacevoli e attiva diversi sistemi dell’organismo con effetti positivi sull’umore e sull’equilibrio psicologico (https://www.psicologo-online24.it/blog/un-prezioso-aiuto-alle-condizioni-di-fragilita-la-pet-therapy).
In un altro lavoro (https://www.psicologo-online24.it/blog/quando-l-amore-degli-animali-diventa-terapeutico-la-pet-therapy) è stato evidenziato come molti animali siano in grado di “connettersi” con lo stato emotivo di una persona e di mettere in atto dei comportamenti in risposta a tali stati emotivi. È stato riscontrato che questa capacità è insita soprattutto nei cani. Scopriamo qualcosa di più sulla pet-therapy con i cani: la Dog-Therapy.

                                              

Che cos’è la Dog-Therapy?

Ovviamente queste potenzialità hanno dei risvolti molto positivi in termini terapeutici e di benessere psicologico. Per questo motivo molti cani vengono utilizzati nel contesto della Dog-Therapy con l’obiettivo di fornire supporto psicologico. Ma in cosa consiste la Dog-Therapy?
La Dog-Therapy è una pratica terapeutica che si fonda sul contatto fisico ed emozionale tra cane e paziente.
È indubbio che il cane sia un animale in grado di donare affetto in maniera spontanea e diretta.
Il cane possiede inoltre un’altra importantissima caratteristica: è capace di cogliere il linguaggio del corpo dell’essere umano e di avvertire il suo stato emotivo. Come è possibile tutto ciò? Grazie alla capacità del cane di fiutare le secrezioni ormonali dell’uomo: in questo modo esso riesce a cogliere emozioni quali ansia, paura, tristezza, preoccupazione, rabbia, ecc.
Ma oltre a questa grande dote il cane ne possiede un’altra che lo rende indispensabile nei percorsi di Dog-Therapy: in base agli stati d’animo del soggetto percepiti, il cane reagisce attivamente con atteggiamenti quali il gioco, la ricerca di coccole, il contatto fisico, la vicinanza, ecc. Queste reazioni suscitano nel’essere umano vissuti piacevoli, sensazioni positive incentivandolo alla socializzazione e generando in lui gioia e tranquillità.
Viene da sé che la Dog-Therapy risulti di efficacia straordinaria con i pazienti psichiatrici, con gli anziani, con i bambini con deficit cognitivi, così come nei reparti ospedalieri in qualità di supporto nella convalescenza delle persone malate.

                                          

I benefici della Dog-Therapy

È stata evidenziata la grande utilità della Dog-Therapy soprattutto con i pazienti ospedalieri in tenera età, in quanto il cane si prende cura di loro considerandoli dei cuccioli.
Anche con l’anziano si viene ad instaurare un rapporto speciale, poichè si vengono a creare delle condizioni in cui il soggetto in età avanzata ha la possibilità di confrontarsi con una più ampia gamma di espressioni emotive e competenze relazionali, funzioni che col passare degli anni possono venire meno.
Con i pazienti psichiatrici la Dog-Therapy risulta alquanto preziosa poiché aiuta a rafforzare il senso di fiducia negli altri e dà supporto emotivo costante.
Anche in ambito scolastico le attività con il cane rivestono una funzione molto importante, in quanto contribuiscono a potenziare le doti creative del bambino e le sue capacità attenzionali, oltre ad attenuare i tratti di introversione, iperattività, aggressività, ecc.
In generale, nel rapporto tra cane e individuo si vengono ad instaurare delle dinamiche all’insegna della complicità e della reciprocità dove si alternano momenti in cui è il cane a rivolgere attenzioni all’umano e altri in cui è l’umano a rivolgere attenzioni e affetto al cane: questo aiuta l’individuo a confrontarsi con la diversità e a ritrovare fiducia in se stessi e negli altri.
Ovviamente per un adeguato percorso di Dog-Therapy sono necessari degli specifici corsi di formazione che devono intraprendere sia i cani sia gli operatori che affiancheranno il cane durante la Dog-Therapy.