psicologo online davide caricchi
Scritto dal Dott. Davide Caricchi
Scritto il 22 Feb, 2024
Seguimi sui social

Il test PTSD

Sai che cos’è un test PTSD. Un test PTSD (Disturbo da Stress Post-Traumatico) è uno strumento diagnostico utilizzato da professionisti della salute mentale per identificare la presenza e la gravità del Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD) in individui che hanno vissuto o sono stati testimoni di eventi traumatici. I test PTSD possono essere costruiti e formulati in varie forme, tra cui questionari auto-somministrati, interviste cliniche strutturate e valutazioni psicologiche. L’obiettivo principale di un test PTSD è quello di valutare i sintomi specifici legati al disturbo, che possono includere flashback, incubi, evitamento di situazioni che ricordano il trauma, ipervigilanza e reazioni emotive intense.
In questo articolo cercheremo di capire in cosa consiste nello specifico un test PTSD ma soprattutto ci sarà la possibilità di sottoporsi ad un test PTSD per verificare se ci si trova di fronte alla presenza di un Disturbo Post Traumatico da Stress.
È importante tenere a mente comunque la “parzialità” dei test PTSD: non basta un singolo test PTSD per porre diagnosi di Disturbo Post Traumatico da Stress. È necessario che esso venga integrato da una serie di colloqui clinici di inquadramento psicodiagnostico effettuati da uno psicologo o da uno psicologo online.
Se sei curioso di effettuare subito il test PTSD, puoi scorrere in fondo all’articolo per iniziare col test, altrimenti puoi farti un’idea più precisa e interessante su che cos’è il Disturbo Post Traumatico da Stress e sulle caratteristiche di un test PTSD.

Somministrazione e interpretazione di un test PTSD

Il processo di somministrazione di un test PTSD inizia solitamente con un colloquio preliminare, durante il quale il professionista della salute mentale raccoglie informazioni dettagliate sulla storia personale del paziente, compresi eventuali eventi traumatici vissuti. Successivamente, il paziente potrebbe essere invitato a compilare uno o più questionari che misurano la frequenza e l’intensità dei sintomi del PTSD. Questi questionari sono progettati per essere comprensibili e accessibili permettendo al paziente di esprimere le sue esperienze in modo confidenziale.
Un aspetto cruciale di un test PTSD è la sua capacità di distinguere tra il PTSD e altri disturbi psicologici che possono presentare sintomi simili, come l’ansia o la depressione. Questo è importante per garantire che il trattamento raccomandato sia il più appropriato e efficace possibile per il paziente. Inoltre, il test può aiutare a identificare il livello di gravità del disturbo, il che è fondamentale per sviluppare un piano di trattamento personalizzato.
I risultati di un test PTSD vengono interpretati da un professionista qualificato che poi dovrà discutere i risultati con il paziente. Se il test indica la presenza di PTSD, possono essere raccomandate diverse forme di trattamento, tra cui la psicoterapia psicodinamica, la terapia cognitivo-comportamentale, la terapia di esposizione e, in alcuni casi, il supporto farmacologico. È importante sottolineare che il processo di guarigione dal PTSD può richiedere tempo e che il successo del trattamento dipende molto dall’alleanza terapeutica che si viene a creare tra il paziente e il professionista della salute mentale.
Un test PTSD è uno strumento vitale nel campo della salute mentale che aiuta a identificare e trattare efficacemente il Disturbo da Stress Post-Traumatico. Attraverso l’uso di questi test PTSD, psicologi e psicoterapeuti possono offrire interventi mirati che supportano il recupero dei pazienti migliorando significativamente la loro qualità di vita.

Come capire se ho il PTSD? Utilità di un test PTSD

Quanto può essere utile un test PTSD per comprendere se soffro di un Disturbo Post Traumatico da Stress?
Capire se si soffre di Disturbo Post-Traumatico da Stress (PTSD) può essere una sfida complessa, poiché i sintomi possono variare notevolmente da persona a persona e spesso si sovrappongono con quelli di altri disturbi psicologici. Tuttavia, attraverso l’utilizzo di test PTSD e la consultazione di professionisti della salute mentale, è possibile ottenere una diagnosi accurata e intraprendere un percorso verso il recupero.
Il PTSD si manifesta in seguito all’esposizione a un evento traumatico, come un incidente grave, una morte improvvisa, un evento di guerra, un disastro naturale o qualsiasi esperienza che abbia minacciato l’incolumità fisica o emotiva dell’individuo. I sintomi principali includono ricordi persistenti e invasivi dell’evento, evitamento di situazioni che possono ricordare il trauma, alterazioni dell’umore e della percezione di sé, nonché uno stato di “iperarousal”, ovvero un’eccessiva reattività a stimoli che normalmente non sarebbero minacciosi.
La prima tappa per comprendere se si soffre di PTSD è riconoscere la presenza di questi sintomi. Se persistono per più di un mese e hanno un impatto significativo sulla vita quotidiana, è consigliabile sottoporsi a un test PTSD. Questi test sono strumenti progettati per valutare la gravità e la natura dei sintomi fornendo ai professionisti della salute mentale informazioni preziose per una diagnosi precisa.
Un test PTSD può essere somministrato in vari formati, inclusi questionari auto-somministrati o interviste condotte da un terapeuta. Questi strumenti di valutazione indagano sulla frequenza e l’intensità dei sintomi legati al trauma, come anche sulla capacità dell’individuo di funzionare in diversi ambiti della vita. Rispondere onestamente a un test PTSD è fondamentale per assicurare che la valutazione rifletta accuratamente l’esperienza dell’individuo.
Dopo aver completato un test PTSD, i risultati vengono analizzati dallo psicologo che può discutere i passaggi successivi con l’individuo. È importante notare che un test PTSD non è l’unico strumento per diagnosticare il disturbo. Una valutazione comprensiva, che può includere ulteriori test psicologici e colloqui dettagliati, è essenziale per comprendere appieno l’impatto del trauma sulla vita dell’individuo.
Se il test PTSD indica la presenza del disturbo, ci sono molteplici percorsi di trattamento disponibili.
Affrontare il PTSD richiede coraggio e impegno ma con il supporto adeguato il recupero è possibile. Sottoporsi a un test PTSD è il primo passo per riconoscere il disturbo e avviare il cammino verso la guarigione. In questi contesti così delicati, un aiuto professionale è di fondamentale importanza per guidarvi nel lavoro di elaborazione e superamento del trauma.

Come si cura il Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD)?

La cura del Disturbo Post-Traumatico da Stress (PTSD) rappresenta una sfida complessa nel campo della psicologia clinica in quanto richiede un approccio personalizzato per affrontare efficacemente i sintomi e le cause sottostanti.
La diagnosi accurata del PTSD è il primo passo cruciale nel processo terapeutico, e i test PTSD giocano un ruolo fondamentale in questa fase iniziale consentendo ai professionisti della salute mentale di valutare la presenza e la gravità del disturbo.
Test PTSD come il PCL (PTSD Checklist) sono strumenti di valutazione standardizzati che misurano la gravità dei sintomi specifici del PTSD su diversi ambiti tra cui la rievocazione intrusiva dell’evento, l’evitamento di stimoli associati al trauma, alterazioni negative del pensiero e dell’umore e l’aumentata reattività o iperarousal. Questi strumenti fornisce preziose informazioni a livello quantitativo per la diagnosi e sono essenziali per monitorare l’efficacia del trattamento nel tempo. Il colloquio clinico, invece, analizzerà il livello qualitativo del disturbo.
Una volta confermata la diagnosi di PTSD attraverso un test PTSD e i colloqui clinici, il trattamento può procedere secondo diverse modalità terapeutiche. Oltre alla psicoterapia a orientamento psicodinamico ci sono altre tipologie di trattamento che possono rivelarsi molto utili nel trattamento del Disturbo Post Traumatico da Stress tra cui:

1. Terapia Cognitivo-Comportamentale (CBT): La CBT è ampiamente riconosciuta come uno degli approcci più efficaci nel trattamento del PTSD. Questa forma di terapia si concentra sul modificare i pensieri e i comportamenti disfunzionali legati al trauma insegnando al paziente strategie per gestire i sintomi e ridurre l’evitamento. La CBT può includere tecniche specifiche come la desensibilizzazione e la rielaborazione attraverso l’esposizione (EMDR) che aiuta i pazienti a elaborare e integrare ricordi traumatici in modo più adattivo.

2. Terapia di Esposizione Prolungata (PE): Una sottocategoria della CBT, la PE, implica l’esposizione graduale e controllata ai ricordi o ai pensieri traumatici in un ambiente sicuro, con l’obiettivo di ridurre la paura e l’evitamento associati a questi ricordi. Questo approccio si basa sull’idea che l’evitamento mantiene il PTSD e che affrontare attivamente i ricordi traumatici può diminuire l’intensità dei sintomi.

3. Terapia di Elaborazione Cognitiva (CPT): La CPT è un’altra forma di CBT che si concentra specificamente sulle credenze e i pensieri negativi che si sviluppano in seguito a un trauma, come la colpa, la vergogna e il senso di impotenza. Attraverso la CPT, i pazienti imparano a identificare e mettere in discussione questi pensieri lavorando ad una comprensione più equilibrata e adattiva del trauma e delle sue conseguenze.

4. Farmacoterapia: In alcuni casi può essere raccomandato l’uso di farmaci, in particolare quando i sintomi del PTSD sono gravi o quando coesistono con altri disturbi, come la depressione o l’ansia. Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono comunemente prescritti per alleviare i sintomi del PTSD migliorando il benessere emotivo e funzionale del paziente.

5. Supporto Psicosociale: Il supporto da parte di gruppi di sostegno, famiglia e amici è cruciale nel processo di recupero dal PTSD. I gruppi di sostegno possono offrire uno spazio sicuro dove condividere esperienze e strategie di coping riducendo il senso di isolamento spesso sperimentato dai sopravvissuti al trauma.

Il trattamento del PTSD è un processo dinamico e articolato che richiede una valutazione e un adattamento continui delle strategie terapeutiche in base alla risposta individuale del paziente. A tal proposito, i test PTSD svolgono un ruolo cruciale non solo nella diagnosi iniziale ma anche nel monitoraggio dei progressi del trattamento consentendo ai terapeuti di adeguare le terapie in modo mirato e basato sull’evidenza.
In conclusione, il trattamento del PTSD richiede un approccio complesso e multidisciplinare che può contemplare l’integrazione di tecniche terapeutiche, supporto psicosociale e, quando appropriato, interventi farmacologici. L’obiettivo finale è aiutare i pazienti a rielaborare i ricordi traumatici, ridurre i sintomi e migliorare significativamente la qualità della loro vita. Con il supporto adeguato e un impegno al trattamento, molte persone con PTSD possono fare significativi passi avanti verso il recupero.

Trattamento del Disturbo Post Traumatico da Stress con la psicoterapia a orientamento psicodinamico

La psicoterapia a orientamento psicodinamico rappresenta un approccio alquanto utile e prezioso nel trattamento del Disturbo Post-Traumatico da Stress (PTSD) offrendo una prospettiva unica sulle dinamiche inconsce che sottendono i sintomi manifesti del disturbo.
Questo metodo terapeutico si concentra sull’esplorazione dei conflitti interni, dei modelli di relazione e delle esperienze di vita che contribuiscono alla persistenza del PTSD promuovendo l’insight e la risoluzione emotiva attraverso la relazione terapeutica.
L’utilizzo dei test PTSD nel contesto della psicoterapia psicodinamica può sembrare meno diretto e comune rispetto ad approcci più strutturati come la CBT ma svolge comunque un ruolo cruciale.
Prima di tutto, i test PTSD consentono una valutazione iniziale precisa del disturbo aiutando il terapeuta a comprendere la gravità e la specificità dei sintomi del paziente. Questa comprensione iniziale è fondamentale per formulare un piano di trattamento personalizzato che tenga conto delle particolarità individuali del paziente.
Durante il trattamento psicodinamico, i test PTSD possono essere utilizzati periodicamente per monitorare i progressi del paziente. Questo monitoraggio consente al terapeuta di adeguare il focus e l’intensità del trattamento in base all’evoluzione dei sintomi e dell’elaborazione emotiva del paziente.
La ripetizione dei test PTSD nel corso del tempo fornisce dati oggettivi sui cambiamenti nel funzionamento psicologico del paziente permettendo una valutazione continua dell’efficacia del trattamento.
Il cuore del trattamento psicodinamico del PTSD risiede nell’esplorazione dell’origine dei sintomi all’interno del contesto delle esperienze di vita passate e presenti del paziente, comprese quelle che hanno preceduto il trauma. Il terapeuta aiuta il paziente a identificare e lavorare attraverso i conflitti interni ed i modelli di relazione disfunzionali che possono essere stati esacerbati o rivelati dal trauma, sostenendo il paziente nell’esplorazione delle proprie emozioni, pensieri e ricordi in un ambiente sicuro e supportivo.
Attraverso l’interpretazione e l’insight, il trattamento psicodinamico mira a promuovere una maggiore integrazione della personalità e una riduzione dei sintomi del PTSD. La rivelazione e l’elaborazione delle dinamiche inconsce consentono al paziente di acquisire una nuova comprensione delle proprie reazioni emotive e comportamentali facilitando una graduale desensibilizzazione agli stimoli traumatici e una maggiore capacità di gestire le reazioni di stress.
Infine, il ruolo dei test PTSD nel contesto psicodinamico si estende al post-trattamento fornendo una valutazione finale che può confermare i progressi compiuti e identificare le aree che potrebbero richiedere ulteriore attenzione. Questo non solo consente di verificare i risultati terapeutici ottenuti ma pone anche le basi per un piano di “mantenimento” a lungo termine che consente di monitorare se il paziente si sia dotato delle risorse interne necessarie per gestire efficacemente lo stress e prevenire eventuali ricadute.
In conclusione, sebbene la psicoterapia psicodinamica adotti un approccio diverso dalla terapia più strutturata, l’uso dei test PTSD rimane un elemento importante nella diagnosi, nel monitoraggio e nella valutazione del trattamento del PTSD. Questo approccio offre una profonda comprensione delle radici psicologiche del disturbo facilitando un processo di guarigione che mira alla risoluzione emotiva e all’integrazione psichica.

Come valutare il Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD)?

Valutare il Disturbo Post-Traumatico da Stress (PTSD) richiede un approccio complesso e multimodale che prende in considerazione la vasta gamma di sintomi e il loro impatto sulla vita dell’individuo. I professionisti della salute mentale si affidano a una varietà di strumenti diagnostici, tra cui il test PTSD, interviste cliniche strutturate e la valutazione del funzionamento quotidiano, per identificare accuratamente la presenza e la gravità del disturbo.
Il test PTSD è uno degli strumenti più utili nella valutazione del PTSD. Questi test sono progettati per misurare specificamente i sintomi associati al PTSD. La standardizzazione dei test PTSD facilita il confronto dei risultati del paziente con i criteri diagnostici riconosciuti e con le risposte tipiche di individui con e senza PTSD offrendo una valutazione oggettiva che può guidare la diagnosi e il trattamento.
L’uso del test PTSD non si limita alla fase iniziale di valutazione; esso viene impiegato anche per monitorare i progressi nel corso del trattamento permettendo ai clinici di adeguare le strategie terapeutiche in base alla risposta del paziente. Questo monitoraggio continuo è essenziale per garantire che il trattamento sia il più efficace possibile e per intervenire prontamente in caso di eventuali ostacoli nel percorso di recupero.
Un test PTSD può essere somministrato in diverse forme, tra cui questionari auto-somministrati e interviste cliniche strutturate.
Gli strumenti auto-somministrati offrono ai pazienti la possibilità di riflettere sui propri sintomi in un contesto “protetto”, dove il “bias” di desiderabilità sociale viene meno. Questo, ovviamente, incoraggia una maggiore onestà nelle risposte.
D’altra parte, le interviste cliniche strutturate permettono ai clinici di esplorare in profondità la natura dei sintomi e il contesto in cui si manifestano fornendo una comprensione più ricca e dettagliata del disturbo.
Nella pratica clinica l’interpretazione dei risultati del test PTSD deve essere effettuata considerando il contesto più ampio della vita del paziente, includendo la storia del trauma, le risorse di coping attuali e la presenza di eventuali comorbidità. Questo approccio olistico è fondamentale per formulare una diagnosi accurata e per sviluppare un piano di trattamento personalizzato per il paziente che soffre di Disturbo Post Traumatico da Stress.
Inoltre, la valutazione del PTSD richiede una certa sensibilità e consapevolezza delle differenze individuali nell’espressione dei sintomi e nelle risposte al trauma. Tali differenze, talvolta, risentono del differente contesto culturale in cui è inserito il paziente. I clinici devono essere attenti a come fattori quali il background culturale, il genere e l’età possano influenzare sia la manifestazione del PTSD sia la reazione dell’individuo ai test PTSD e ad altri metodi di valutazione.
La valutazione del PTSD è un processo complesso che si avvale di strumenti specifici come il test PTSD, interviste cliniche dettagliate e una valutazione olistica del funzionamento dell’individuo. Questo approccio consente ai professionisti della salute mentale di identificare accuratamente il PTSD, di comprendere la sua gravità e di formulare piani di trattamento efficaci che tengono conto delle esigenze uniche di ogni paziente. L’obiettivo finale è fornire un supporto mirato che promuova il recupero e migliori la qualità della vita degli individui affetti da PTSD.

Il test PTSD

E ora veniamo alla somministrazione del test PTSD.
Considera attentamente ognuna delle 30 affermazioni proposte scegliendo l’alternativa che meglio corrisponde ai tuoi stati emotivi negli ultimi sette giorni. Questa procedura promuove un’analisi personale e riflessiva delle tue emozioni recenti, guidandoti a selezionare una risposta che rappresenti accuratamente il tuo umore attuale. Questo passaggio è essenziale nel compilare un test PTSD, poiché si propone di catturare con esattezza il tuo stato emotivo attuale fornendo una rappresentazione precisa delle tue emozioni per determinare la presenza e la gravità del PTSD.

Iniziamo con il test PTSD!

1. Ho ricordi indesiderati di un evento traumatico che mi ritornano in mente.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

2. Mi ritrovo a evitare pensieri o conversazioni legate all’evento traumatico.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

3. Esperisco incubi frequenti sull’evento o su temi simili.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

4. Mi sento costantemente teso o “sul chi va là”.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

5. Ho difficoltà a concentrarmi su compiti quotidiani.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

6. Reagisco eccessivamente o mi spavento facilmente a causa di suoni forti o situazioni improvvise.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

7. Evito luoghi, persone o attività che mi ricordano l’evento traumatico.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

8. Mi sento distaccato o estraneo rispetto agli altri.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

9. Provo sentimenti intensi di colpa o vergogna legati all’evento.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

10. Mi sento irritabile o ho scoppi d’ira senza un motivo evidente.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

11. Ho difficoltà a ricordare parti importanti dell’evento traumatico.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

12. Perdo interesse per attività che prima mi piacevano.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

13. Mi sento come se il mio futuro fosse in qualche modo bloccato o ridotto.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

14. Ho difficoltà a dormire o rimango sveglio per molte ore durante la notte.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

15. Mi sento emotivamente intorpidito o incapace di provare amore.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

16. Ho pensieri suicidi o immagino di farmi del male.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

17. Sento che devo essere sempre all’erta e guardarmi le spalle.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

18. Ho reazioni fisiche intense (es. battito cardiaco accelerato) quando ricordo o sono esposto a qualcosa che ricorda l’evento.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

19. Mi sento spesso triste o disperato riguardo al mio futuro.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

20. Mi isolo dagli altri e preferisco stare da solo.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

21. Ho difficoltà a fidarmi degli altri dopo l’evento traumatico.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

22. Sperimento sensazioni di paura o terrore intense senza un motivo chiaro.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

23. Mi sento spesso confuso riguardo al mio ruolo durante l’evento traumatico.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

24. Sperimento cambiamenti significativi nel mio appetito o nel mio peso.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

25. Ho pensieri negativi persistenti su me stesso, gli altri o il mondo.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

26. Mi sento responsabile per l’evento traumatico o le sue conseguenze.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

27. Ho notato una diminuzione dell’interesse nel partecipare a eventi sociali o attività di gruppo.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

28. Mi arrabbio facilmente o ho problemi a controllare il mio temperamento.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

29. Mi sento stanco o privo di energia quasi ogni giorno.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

30. Ho difficoltà a stabilire o mantenere relazioni intime.
• Mai
• Raramente
• Qualche volta
• Spesso
• Sempre

Per ciascun item del test per la rilevazione del disturbo post traumatico da stress (PTSD), i punteggi da assegnare alle risposte sono i seguenti:
• Mai = 0 punti
• Raramente = 1 punto
• Qualche volta = 2 punti
• Spesso = 3 punti
• Sempre = 4 punti
Dopo aver completato il test PTSD, somma i punti di ciascun item: otterrai un punteggio totale che può variare da 0 a 120. I diversi range di punteggio, che indicano i vari livelli di gravità del PTSD, sono:
• Da 0 a 30: Sintomi di PTSD minimi o assenti. Questo intervallo indica che è poco probabile che tu stia sperimentando un impatto significativo del PTSD sulla tua vita quotidiana. Tuttavia, se hai preoccupazioni o se i sintomi iniziano a influenzare la tua vita, potrebbe essere utile consultare un professionista.

• Da 31 a 60: Sintomi di PTSD lievi. Un punteggio in questo intervallo suggerisce che potresti avere alcuni sintomi di PTSD che influenzano la tua vita in modo limitato. Considera di parlare con un professionista della salute mentale per una valutazione più approfondita e per discutere le possibili opzioni di trattamento.

• Da 61 a 90: Sintomi di PTSD moderati. Questo punteggio indica che i sintomi di PTSD potrebbero avere un impatto moderato sulla tua funzionalità e benessere quotidiano. Un intervento professionale può essere utile per aiutarti a gestire i sintomi e migliorare la tua qualità di vita.

• Da 91 a 120: Sintomi di PTSD gravi. Un punteggio in questo intervallo suggerisce una presenza significativa di sintomi di PTSD, con un impatto sostanziale sulla tua vita. È importante cercare il supporto di un professionista della salute mentale per una valutazione completa e per discutere un piano di trattamento personalizzato.

In ogni caso, è importante ricordare che questo test serve come strumento di screening preliminare e non può sostituire una valutazione professionale. Se i risultati suggeriscono la presenza di sintomi di PTSD o se ti senti sopraffatto dai tuoi attuali stati emotivi e psicologici, è cruciale cercare il supporto di un professionista qualificato.

 

 

Psicologo Online è un servizio di:

Dott. Davide Ivan Caricchi

n. Iscrizione Albo  4943

P.I.  10672520011

Via Giovanni Pacini 10, Torino

Via Roma 44, San Mauro Torinese

METODI DI PAGAMENTO SICURI

Privacy PolicyCookie Policy

Sito Internet e SEO a cura di Gabriele Pantaleo Webmaster