psicologo online davide caricchi
Scritto dal Dott. Davide Caricchi
Scritto il 13 Feb, 2024

La bassa autostima

La bassa autostima è un fenomeno complesso e diffuso che incide profondamente sull’individuo e sulla società. Si tratta di un problema psicologico caratterizzato da una persistente sensazione di inadeguatezza e da una percezione di sé negativa. Questi sentimenti possono derivare da una varietà di cause tra cui esperienze traumatiche nell’infanzia, fallimenti percepiti o critiche continue. La bassa autostima non solo limita l’individuo nelle sue capacità di affrontare le sfide quotidiane ma può anche portare a problemi più gravi come l’ansia, la depressione, i disturbi alimentari e l’isolamento sociale.
Uno degli aspetti più insidiosi della bassa autostima è il suo carattere ciclico. Le persone che ne soffrono possono cadere in un vero e proprio “circolo vizioso” dove i pensieri negativi su di sé generano comportamenti che vanno a confermare tali percezioni aggravando il problema. Ad esempio, un individuo con bassa autostima potrebbe evitare situazioni sociali per paura del giudizio, il che può portare a ulteriore isolamento e rinforzare la convinzione di non essere all’altezza o desiderabile. Questo ciclo di pensieri e comportamenti negativi può diventare un ostacolo significativo per il benessere e lo sviluppo personale.
È essenziale riconoscere i segnali della bassa autostima e cercare supporto professionale quando necessario, tramite un sostegno psicologico o un sostegno psicologico online. Terapie come la psicoterapia a orientamento psicodinamico o la psicoterapia cognitivo-comportamentale hanno dimostrato di essere efficaci nel modificare i pattern di pensiero disfunzionali e nel migliorare l’autostima. Inoltre, strategie come stabilire obiettivi realistici e sviluppare relazioni positive possono essere di grande aiuto, ovviamente in un contesto di rete di supporto, in quanto esclusivamente da soli il rischio è di non ottenere nessun risultato.
Nonostante la sua complessità, è importante sottolineare che la bassa autostima può essere superata. Con il giusto supporto, le persone possono imparare a valorizzare se stesse e a sviluppare una visione più positiva della propria identità. Questo processo non solo migliora la qualità della vita dell’individuo ma contribuisce anche a creare una società più empatica e solidale, dove le persone si sentono valorizzate e supportate. La lotta contro la bassa autostima è dunque un impegno collettivo che richiede sensibilizzazione, educazione e un cambiamento culturale verso una maggiore accettazione e comprensione delle vulnerabilità umane.

Definizione di autostima e bassa autostima

La bassa autostima è un problema complesso e articolato che passa inesorabilmente per la comprensione del significato che si dà alla percezione di se stessi.
Il concetto di autostima è profondamente radicato nelle dinamiche dello sviluppo umano emergendo gradualmente attraverso le interazioni precoci del bambino con le figure significative che ne curano lo sviluppo emotivo e sociale. Queste interazioni iniziali, caratterizzate da ciò che la psicologia definisce come “rispecchiamento positivo“, giocano un ruolo cruciale nel fondare le basi per l’edificazione di un’immagine di sé costruttiva e resiliente. Le esperienze di rispecchiamento positivo, infatti, conferiscono al bambino la convinzione intrinseca del proprio valore e della propria dignità di essere amato, pietre angolari della capacità di coltivare un amore autentico verso sé stessi.
La bassa autostima, all’opposto, può radicarsi nei casi in cui tali esperienze di validazione e accettazione siano insufficienti o distorte portando l’individuo a dubitare del proprio valore e a sviluppare una percezione negativa di sé.
La costruzione dell’autostima è intrinsecamente legata a diversi aspetti dell’esperienza umana: il concetto che un individuo ha di sé stesso, le credenze personali riguardo alla propria identità e capacità e l’immagine che si pensa gli altri abbiano di noi. Questi elementi si intrecciano per formare il nucleo della nostra identità e del nostro senso di appartenenza, influenzando direttamente la nostra capacità di instaurare relazioni sociali significative e autentiche. La natura relazionale dell’essere umano sottolinea l’importanza di legami positivi, come quelli familiari o di amicizia, i quali sono essenziali per sentirsi valorizzati, rispettati e amati. La bassa autostima emerge come una condizione debilitante quando questi legami sono percepiti come carenti o non autentici minando il senso di apprezzamento e l’immagine positiva di sé.
Inoltre, la ricerca di stima e affetto è riconosciuta come uno dei bisogni fondamentali nell’ambito della psicologia umanistica, come illustrato nella piramide dei bisogni di Maslow, al fianco della realizzazione personale e del senso di appartenenza. Il riconoscimento e l’apprezzamento da parte degli altri, insieme a una visione positiva delle proprie caratteristiche uniche, rafforzano il senso di identità e autoconsapevolezza dell’individuo. La bassa autostima si manifesta quando vi è una mancanza di questi elementi vitali lasciando l’individuo in uno stato di dubbi e insicurezza riguardo al proprio valore e al posto nel mondo. La questione centrale diviene quindi: come può l’individuo ricostruire o rinforzare la propria autostima quando le fondamenta sembrano essere state erose o non adeguatamente formate? La risposta risiede nel riconoscimento della complessità della bassa autostima come un intreccio di fattori psicologici, relazionali e sociali che richiedono un approccio multidisciplinare per il suo superamento e per la costruzione di un sé più resiliente e positivamente autoaffermato.

Bassa autostima: le cause

La genesi dei problemi di bassa autostima in un individuo può essere attribuita a un complesso intreccio di esperienze vissute che insieme contribuiscono a modellare la percezione che si ha di sé. Questo processo di formazione dell’opinione personale è profondamente influenzato da una varietà di fattori, tra cui il contesto familiare e le interazioni precoci con i genitori. In particolare, crescere in un ambiente familiare caratterizzato da stress, infelicità e un approccio educativo severo o eccessivamente critico può incidere negativamente sullo sviluppo di un’immagine positiva di sé. Allo stesso modo, esperienze traumatiche durante l’infanzia, come l’essere esposti a situazioni di abuso fisico o psicologico, possono lasciare un’impronta duratura, radicando profondamente sentimenti di vergogna e inadeguatezza.
La bassa autostima può anche emergere come conseguenza di episodi di bullismo, cyberbullismo, o altri atti denigratori rivolti contro l’individuo, specialmente quando questi attacchi sono focalizzati sulla fisicità, portando a problemi di autoaccettazione e di immagine corporea. In ambito sentimentale, le difficoltà e le delusioni possono altresì erodere la fiducia in se stessi influenzando la capacità di stabilire relazioni amorose sane e soddisfacenti. Ulteriori sfide alla costruzione di una solida autostima possono derivare dall’appartenenza a minoranze etniche, culturali o a gruppi sociali frequentemente esposti a discriminazione e pregiudizi che possono aumentare i sentimenti di isolamento e estraniamento.
Le esperienze negative non si limitano tuttavia all’infanzia o all’adolescenza ma possono verificarsi anche in età adulta, come nel contesto lavorativo, dove episodi di derisione o intimidazione da parte dei colleghi possono minare seriamente la propria autostima professionale. Analogamente, la presenza di una condizione medica cronica rappresenta un’altra fonte potenziale di difficoltà nell’accettazione di sé, in quanto può alterare drasticamente l’autopercezione e l’immagine corporea.
In sintesi, la bassa autostima è il risultato di un “intreccio” di esperienze negative che, accumulandosi nel tempo, influenzano la concezione che un individuo ha di sé stesso. Queste esperienze, variando in natura e intensità, lasciano un segno tangibile sul modo in cui le persone si vedono e si valutano incidendo profondamente sul loro benessere psicologico e sulla loro capacità di interagire in modo costruttivo con il mondo circostante.

I sintomi di una bassa autostima

La bassa autostima è un concetto che riflette una visione negativa di sé e delle proprie interazioni sociali. Spesso, questo stato d’animo porta gli individui a ritrarsi dalla vita sociale attiva, poiché tendono a interpretare ogni fallimento relazionale come il risultato di circostanze al di fuori del loro controllo evidenziando così un orientamento esterno del loro “locus of control”. Questa percezione esternalizzata della responsabilità delle proprie azioni e dei risultati ottenuti rafforza la convinzione negativa che gli individui con bassa autostima hanno di sé creando un circolo vizioso di evitamento e ulteriore diminuzione dell’autostima.
Chi lotta con la bassa autostima può trovarsi ad affrontare una vasta gamma di sintomi che spaziano dal disagio psicologico a quello fisico. Il pensiero ricorrente “ho una bassa autostima” può manifestarsi attraverso sentimenti persistenti di tristezza, isolamento e ansia, che a loro volta possono essere accompagnati da sensi di colpa profondi e da una costante paura del giudizio altrui. Questo stato emotivo può portare a situazioni di stress lavorativo acute, come la sindrome dell’impostore, dove l’individuo dubita costantemente delle proprie capacità e teme di essere smascherato per quello che percepisce come un inganno nei confronti delle proprie competenze professionali.
L’insicurezza comunicativa è un altro sintomo comune, caratterizzato dalla paura di non sapere cosa dire o di esprimersi in modo inappropriato, che può portare a un crescente bisogno di isolamento per evitare situazioni di potenziale imbarazzo. Questa insicurezza si estende alla paura di essere rifiutati o abbandonati, nonché alla preoccupazione di essere traditi riflettendo una profonda vulnerabilità nelle relazioni interpersonali. Le persone con bassa autostima sono inoltre inclini a pensieri di inadeguatezza. Spesso queste persone si sentono incapaci di realizzare qualunque cosa di valore e possono soffrire di atelofobia, ovvero la paura di non raggiungere la perfezione.
Infine, la bassa autostima è spesso accompagnata dalla paura di non essere all’altezza delle aspettative altrui, di ricevere delusioni e di non trovare reciprocità nei propri sentimenti e sforzi. Questo complesso intreccio di emozioni negative e paure influisce non solo sulla salute mentale e fisica dell’individuo ma anche sulla sua capacità di stabilire e mantenere relazioni soddisfacenti e significative. La comprensione di questi meccanismi e la loro identificazione rappresentano il primo passo verso un percorso di miglioramento dell’autostima e di riconquista della fiducia in sé e nelle proprie capacità relazionali.

Come si comporta una persona con bassa autostima?

Individui affetti da bassa autostima hanno una percezione di sé intrisa di negatività, caratterizzata da un giudizio di scarso valore personale che si manifesta in modo incondizionato, diffuso e persistente nel tempo. Questa visione distorta di sé si traduce in una serie di esperienze e comportamenti che rivelano e, allo stesso tempo, alimentano tale condizione.
La fiducia in se stessi e nella propria capacità di affrontare efficacemente le sfide del mondo diventa estremamente fragile dando vita a un senso di insicurezza pervasivo che ostacola la capacità di ascoltarsi interiormente e di stabilire obiettivi che rispecchino veramente le proprie aspirazioni e potenzialità.
Questo stato di bassa autostima si accompagna spesso a una dipendenza emotiva dagli altri, dove l’individuo, incerto del proprio valore intrinseco, cerca conferme esterne per definire la propria identità e capacità. La costante ricerca di approvazione altrui, unita a un limitato spirito di iniziativa e a una riluttanza nel prendere rischi, evidenzia un profondo senso di inadeguatezza e una mancanza di autodeterminazione. Tale atteggiamento è inoltre rinforzato da reazioni impulsive, non mediate da una riflessione approfondita o da un’analisi delle possibili conseguenze, segno di una difficoltà nel gestire le emozioni e nel prendere decisioni ponderate.
L’assenza di un chiaro progetto di vita, una caratteristica marcata nelle persone con bassa autostima, riflette l’incapacità di intravedere un percorso personale di crescita e realizzazione. Questa mancanza di direzione e scopo può precipitare l’individuo in una vulnerabilità verso i disturbi d’ansia, promuovendo uno stile di vita passivo che si alimenta di evitamento e ritiro sociale. L’insieme di queste dinamiche, che si intrecciano e si rafforzano vicendevolmente, contribuisce non solo a cristallizzare la condizione di bassa autostima ma anche a perpetuare un ciclo di insoddisfazione personale e di difficoltà relazionale che ostacola profondamente il benessere e lo sviluppo individuale. Riconoscere e affrontare questi pattern disfunzionali è pertanto essenziale per intraprendere un percorso di miglioramento dell’autostima e di riscoperta del proprio valore come individui unici e capaci.

Autostima bassa: quali conseguenze?

La bassa autostima rappresenta un serio ostacolo al benessere psicologico e alla realizzazione personale, conducendo la persona verso un percorso di isolamento volto a evitare situazioni percepite come minacciose, dove l’esposizione a giudizi esterni potrebbe risultare insostenibile. Questa strategia difensiva, seppur tesa a proteggere il Sé da ulteriori ferite alla propria immagine, paradossalmente rafforza il circolo vizioso di tristezza e solitudine alimentato da sentimenti di sconforto e frustrazione.
Le interazioni sociali significative, il supporto emotivo, il confronto costruttivo e le occasioni ludiche con gli altri vengono drasticamente ridotte contribuendo al mantenimento di una bassa autostima.
Nel contesto delle relazioni interpersonali, gli effetti di una bassa autostima sono tangibili e si manifestano in diversi ambiti della vita.
Nei bambini, una bassa autostima può distorcere l’immagine di sé che è in fase di costruzione spingendoli talvolta verso comportamenti aggressivi o prepotenti come meccanismo compensatorio, meccanismo che può degenerare in atteggiamenti di bullismo.
Durante l’adolescenza, il confronto con i coetanei può acuire il senso di inadeguatezza portando a comportamenti rischiosi quali disturbi alimentari, dipendenze, problemi a livello di rendimento scolastico e isolamento sociale, tutte conseguenze riconducibili a problemi di basa autostima.
Nelle relazioni di coppia, la bassa autostima può innescare dinamiche di controllo, gelosia e paura dell’abbandono, poiché l’insicurezza in amore e il timore del tradimento alimentano comportamenti distruttivi che minano la fiducia reciproca: la non corrispondenza amorosa può intensificare ulteriormente questi sentimenti di autosvalutazione rendendo la bassa autostima un nucleo centrale nelle modalità di relazione affettiva.
Anche nella sfera sessuale la bassa autostima può compromettere la capacità di vivere l’intimità con spontaneità, specialmente quando è influenzata da percezioni negative del proprio aspetto fisico limitando la serenità nella vita sessuale. Inoltre, l’orientamento sessuale può diventare fonte di ulteriori insicurezze e bassa autostima, soprattutto quando l’individuo interiorizza i pregiudizi sociali legati all’omosessualità o alla transessualità vivendo così sentimenti di autosvalutazione legati a un’omofobia o transfobia interiorizzata.
Infine, nel contesto lavorativo, la bassa autostima si lega strettamente all’ansia da prestazione influenzando negativamente la proattività, la fiducia nelle proprie competenze e le relazioni con colleghi e superiori. La paura del giudizio e il dubbio costante sulle proprie capacità possono generare conflitti interpersonali e una marcata insoddisfazione professionale evidenziando come la bassa autostima sia un elemento trasversale che incide profondamente su tutti gli aspetti della vita dell’individuo.

Il giusto equilibrio tra solitudine e connessione con gli altri

La bassa autostima, caratterizzata dalla diffidenza verso le proprie capacità e dal timore di non essere all’altezza, innesca una dinamica autodistruttiva che si autoalimenta portando il soggetto verso un progressivo isolamento. Questo processo, simile a quanto descritto nella sindrome di Cassandra, dimostra come la bassa autostima possa evolvere in un circolo vizioso dove la mancanza di fiducia in se stessi limita le opportunità di interazione sociale. La conseguente riduzione delle relazioni interpersonali intensifica esperienze di tristezza e solitudine che a loro volta erodono ulteriormente l’autostima dell’individuo creando un circolo vizioso difficile da interrompere.
Tuttavia, la solitudine non deve essere vista esclusivamente sotto una luce negativa, poiché rappresenta anche una dimensione fondamentale dell’esistenza umana, capace di offrire momenti preziosi di introspezione e autocomprensione. Come sottolineato dallo psicologo Erich Fromm, è proprio attraverso la capacità di tollerare e apprezzare la solitudine che possiamo sviluppare la capacità di amare suggerendo un paradosso in cui il distacco occasionale dalle relazioni sociali attive diventa un prerequisito per la capacità di stabilire legami affettivi profondi e significativi. Nonostante ciò, quando la solitudine si trasforma in una condizione cronica di disconnessione dagli altri, può diventare fonte di malessere e potenzialmente sfociare in una depressione reattiva. Questa condizione sottolinea l’importanza di mantenere un equilibrio tra il bisogno di solitudine per la crescita personale e la necessità di connessione con gli altri, al fine di preservare un senso di benessere e una sana autostima.

Le possibili conseguenze di una bassa autostima: ansia e depressione

Il senso di solitudine e la bassa autostima sono frequentemente identificati come precursori di un disagio psicologico profondo, fungendo da indicatori di una vasta gamma di problematiche mentali, tra cui depressione, distimia, ansia, e disturbi nelle relazioni interpersonali quali l’isolamento e la fobia sociale. Questi stati emotivi, insieme al perfezionismo e alle difficoltà legate all’autostima e all’ansia sociale, sono particolarmente rilevanti nel contesto della società moderna, dove spesso vengono imposti elevati standard di performance e ideali estetici che possono schiacciare l’individuo. La correlazione tra la bassa autostima e la depressione, così come il legame tra ansia e bassa autostima, è stata oggetto di studio, come dimostrato dalle ricerche di Julia Sowislo e Ulrich Orth. Essi evidenziano come la bassa autostima e la depressione siano strettamente interconnesse.
Interventi terapeutici focalizzati sulla bassa autostima e sulla depressione possono fornire un significativo supporto alla persona offrendo strumenti per affrontare e superare le difficoltà derivanti da un continuo processo di auto-svalutazione.
Analogamente, la psicoterapia si rivela efficace nel gestire l’ansia, la bassa autostima e il senso di solitudine facilitando un recupero della fiducia in sé e migliorando la capacità di relazionarsi con gli altri. Infatti, vivere con bassa autostima e ansia sociale può significativamente limitare le interazioni sociali dell’individuo portando all’evitamento di situazioni di contatto e, di conseguenza, a un isolamento che peggiora ulteriormente la qualità dei rapporti interpersonali. La comprensione e il trattamento di questi intricati legami tra bassa autostima, ansia, solitudine e depressione rappresentano passi fondamentali verso il recupero del benessere psicologico e la costruzione di relazioni sane e soddisfacenti.

Come uscire dall’impasse generato dalla bassa autostima?

Affrontare la bassa autostima richiede un approccio individualizzato, poiché non esiste una soluzione univoca applicabile a tutti. Questo deriva dalla complessità e dalla varietà delle esperienze personali che contribuiscono a definire i contorni della propria autostima. A volte, prendere coscienza del fatto che c’è bisogno di un aiuto esterno per lavorare sulla propria autostima, è il primo passo fondamentale per affrontare il problema e uscirne.
Capire se stessi implica talvolta ammettere la necessità di cercare aiuto esterno, un gesto che, sebbene possa essere percepito come segno di vulnerabilità, rappresenta in realtà una dimostrazione di coraggio e di volontà di crescita personale.
Riconoscere di soffrire di una bassa autostima senza minimizzarne l’importanza, esplorare nuove strategie comportamentali che si discostino dalle abitudini consolidate e rivolgersi a un professionista sono azioni che indicano un impegno attivo verso il miglioramento di sé. Questo percorso può includere un lavoro approfondito sul proprio sé per comprendere le origini più profonde alla base della bassa autostima oppure l’apprendimento di tecniche per aumentare l’autostima, superare l’ansia o interrompere l’”intreccio” nefasto tra bassa autostima e depressione, e rappresenta una testimonianza dell’impegno dell’individuo nel superare le barriere che limitano il proprio benessere psicologico.

Come “curare” la bassa autostima: buone pratiche e psicoterapia

Lavorare sull’autostima è un processo che richiede impegno e dedizione, soprattutto per coloro che si trovano a lottare con una bassa autostima. Questa condizione, caratterizzata da una percezione negativa di sé, può essere affrontata attraverso una serie di strategie mirate a rafforzare la fiducia e il rispetto verso se stessi.
Identificare le radici della bassa autostima è il primo passo cruciale in questo viaggio di auto-miglioramento. Attraverso l’introspezione e l’analisi dei propri schemi di pensiero, delle relazioni interpersonali e degli atteggiamenti che adottiamo quotidianamente, è possibile acquisire una maggiore consapevolezza di sé. Questo processo di auto-esplorazione aiuta a comprendere le cause sottostanti che alimentano la bassa autostima permettendo di affrontarle con maggiore efficacia.
La creazione di obiettivi di piccola portata e realistici è un’altra tattica efficace per combattere la bassa autostima. Le persone che soffrono di bassa autostima tendono a scoraggiarsi facilmente percependo come insormontabili anche le sfide più piccole. Stabilire e raggiungere inizialmente piccoli obiettivi può incrementare il senso di autoefficacia riducendo così i sentimenti di inadeguatezza.
Trattarsi con gentilezza evitando l’autocritica eccessiva e adottando un atteggiamento di supporto verso se stessi può trasformare il modo in cui ci si percepisce, alleviando gli effetti della bassa autostima.
La cura di sé gioca un ruolo vitale nel rafforzamento dell’autostima. Adottare uno stile di vita sano che include una nutrizione equilibrata, l’esercizio fisico regolare, momenti dedicati al relax e alla riduzione dello stress, è essenziale per migliorare il proprio benessere fisico e mentale. Questi aspetti, combinati con la buona abitudine di dedicare tempo per se stessi, possono influire positivamente sull’autostima.
Tutto questo ovviamente, facile a dirsi, molto più difficile a farsi, soprattutto se ci sono dei tratti di personalità particolarmente rigidi che si sono cristallizzati nel tempo. Ecco che in questi casi è di vitale importanza intraprendere un percorso psicologico.
Intraprendere un percorso di psicoterapia rappresenta una strategia proattiva per affrontare e superare la bassa autostima. Questo percorso offre l’opportunità di lasciar andare l’aspirazione alla perfezione, imparare ad accettare e a perdonare i propri errori e a gestire la paura del giudizio sociale. La terapia può inoltre aiutare a mantenere una costanza di sé anche di fronte ai fallimenti promuovendo una visione più flessibile e dinamica dell’autostima che si adatta e si evolve in risposta alle esperienze di vita.
Imparare a premiarsi per i progressi fatti verso i propri obiettivi è un ulteriore passo verso il riconoscimento del proprio valore incentivando la motivazione a perseverare nel percorso di crescita personale.
Attraverso questi approcci, è possibile fronteggiare efficacemente la bassa autostima aprendo la strada a un futuro caratterizzato da maggiore fiducia e sicurezza nei propri mezzi.

 

Psicologo Online è un servizio di:

Dott. Davide Ivan Caricchi

n. Iscrizione Albo  4943

P.I.  10672520011

Via Giovanni Pacini 10, Torino

Via Roma 44, San Mauro Torinese

METODI DI PAGAMENTO SICURI

Privacy PolicyCookie Policy

Sito Internet e SEO a cura di Gabriele Pantaleo Webmaster