La grande "frontiera" della psicoterapia online con i pazienti depressi

In diversi articoli abbiamo potuto analizzare i molteplici benefici che può offrire la psicoterapia online in termini di tempi, spazi (la comodità di fare un percorso psicologico online comodamente da casa) e accessibilità del servizio.
Abbiamo anche riflettuto su tutta una serie di potenziali criticità del lavoro dello psicologo online dal punto di vista del setting e per quel che concerne la perdita di alcuni aspetti del linguaggio corporeo: in un percorso psicologico in studio tali elementi sono molto più facilmente analizzabili rispetto ad un percorso intrapreso con uno psicologo online.
In questo lavoro analizzeremo le implicazioni terapeutiche della psicoterapia online con il paziente depresso.

                     

Il trattamento online e in studio dei pazienti depressi: una ricerca

Gli ostacoli alla possibilità di intraprendere un percorso psicologico per un paziente depresso sono diversi: la “fatica” di dedicare una porzione di tempo alla settimana alla psicoterapia, il doversi spostare fisicamente in studio per effettuare le sedute, lo stigma percepito all’idea di essere visto andare in uno studio clinico.
Il trattamento presso uno psicologo online offre la possibilità di superare queste limitazioni. Questo rappresenta un notevole vantaggio per pazienti inibiti come quelli con tratti depressivi. Tuttavia l’uso della psicoterapia online è ancora scarsamente utilizzata, nonostante ci sia una certa quota di disponibilità nei confronti di queste forme di trattamento.
Un interessante studio su Nature, Collection “Digital Mental Health” (Brenda N. Renn; Theresa J. Hoeft; Heather Sophia Lee; Amy M. Bauer; Patricia A. Arean, 2019) ha studiato, tramite una survey a cui hanno partecipato 164 soggetti con problemi di depressione residenti negli Stati Uniti, aspettative, preoccupazioni e timori riguardo la scelta tra l’intraprendere una psicoterapia in studio ed una psicoterapia online. Ai partecipanti all’inchiesta è stato chiesto cosa preferissero tra quattro tipologie differenti di psicoterapia: psicoterapia in studio, psicoterapia online autoguidata, psicoterapia online supportata da gruppo di pari, psicoterapia online condotta da professionisti del settore. I risultati hanno fornito delle informazioni interessanti per il futuro dei percorsi psicologici online: risultati che sono un prezioso spunto di riflessione.

                       

Questioni relative a privacy e percezione di efficacia del trattamento

Meno della metà dei partecipanti ha espresso preferenza per la psicoterapia in studio (44.5%), il 25.6% preferiva il trattamento online autoguidato, il 19.7% prediligeva il trattamento online condotto da esperti mentre l’8.5% ha espresso il suo gradimento per il percorso psicologico online supportato dal gruppo di pari.
Dall’analisi qualitativa di questo studio emergeva che le principali criticità relative ai trattamenti psicologici online riguardava questioni relative al trattamento dei dati personali e alla privacy, la preferenza per un contatto di persona con lo psicologo, scetticismo sulla terapia online autoguidata, eventuali problemi di accesso alla seduta psicologica online, ansia sociale legata all’utilizzo di strumenti tecnologici per lo svolgimento della seduta online.
È indubbio che lo sviluppo e l’affinamento futuro della psicoterapia online dovrà affrontare le questioni relative alle preoccupazioni dei pazienti riguardo la privacy, la sicurezza dei dati ma anche riguarda l’efficacia della nuova forma di psicoterapia.
Per quel che concerne i primi due punti, il servizio di psicologo-online24.it è ampiamente aggiornato, con una scrupolosa attenzione alla privacy del paziente e dello svolgimento dei colloqui psicologici online. Inoltre, prima di iniziare qualsiasi tipo di percorso psicologico o lavoro di counseling online, psicologo-online24.it richiede all’utente la compilazione e firma di un modulo per il consenso informato e il trattamento dei dati personali.
Un modulo per il consenso informato e il trattamento dei dati personali viene fatto compilare anche per le consulenze gratuite online via chat, in quanto rimangono per iscritto dei dati sensibili che vanno conservati nel massimo della scrupolosità e del rispetto della privacy del paziente.
Riguardo le questioni di efficacia della pratica clinica, sono stati fatti dei grandi passi avanti per quel che concerne il trattamento online di pazienti complessi quali i pazienti con problemi di depressione.