Una preziosa crisi nel percorso di crescita: l’adolescenza

Qualunque essere umano attraversa nella sua vita quella fase più o meno delicata di sconvolgimenti emotivi, ormonali, fisici ed esistenziali che prende il nome di adolescenza.
Ma in cosa consiste nello specifico questo periodo della vita con cui lo psicologo e lo psicologo online si confrontano molto spesso? Eh, già, perché psicologi e psicologi online affrontano con grande frequenza tematiche legate all’adolescenza: vuoi perché il paziente in seduta è effettivamente un adolescente che vive i problemi e le trasformazioni di questa fase delicata della vita, vuoi perché nel paziente adulto riaffiorano aspetti dell’adolescenza che in maniera più o meno negativa influiscono nella sua esistenza.

                                                    

 

Una fase di passaggio e di confronto tra generazioni

Infatti esistono moltissimi adulti, uomini “fatti e finiti”, che in realtà sono ancora degli autentici adolescenti, con vissuti, emozioni, atteggiamenti, immagini di sé di natura squisitamente adolescenziale: in casi come questi (molto frequenti), si assiste ad un vero e proprio blocco che noi psicologi e psicologi online definiamo “arresto evolutivo”.
Quando di parla di adolescenza, si fa riferimento ad uno sterminato “mondo”, un fenomeno evolutivo che implica innumerevoli sfaccettature e complessità sia di natura emotivo-relazionale sia di natura comunicativa. Molte volte i genitori avvertono gli adolescenti come un vero e proprio “mondo a sé”, con linguaggi, regole e abitudini che spesso il mondo degli adulti fa fatica a comprendere, talvolta disturba e genera frustrazione. È normale tutto ciò, in quanto si assiste ad un confronto/scontro tra due generazioni differenti: una consolidata e già con una serie di risposte date alla vita (il mondo degli adulti), l’altra “in divenire”, attraversata da una miriade di dubbi, speranze, emozioni, perplessità per un passaggio da una fase della vita nota e rassicurante (l’infanzia) ad una stimolante e ricca di possibilità ma al tempo stesso sconosciuta, fonte di ansie e paure.
La vita adulta, agli occhi degli adolescenti, mostra molti vantaggi, suscita parecchi interessi ma genera anche altro!

                                                                          

 

Adolescenza: quanto può far paura il mondo degli adulti?

La vita adulta è indubbiamente una prospettiva allettante e piacevole, ma quante contraddizioni può portarsi dietro? Quante sofferenze? Quante responsabilità? Gli adolescenti gradualmente acquisiscono questa consapevolezza e da ciò nasce la loro confusione, la loro paura per il futuro, la loro conflittualità verso una generazione che li ha messi al mondo ma che presenta una miriade di fragilità e debolezze. Lo psicologo e lo psicologo online devono essere bravi nel porsi all’interfaccia di questa conflittualità per tramutarle in una comunicazione proficua che aiuti a vivere il passaggio dall’età infantile all’età adulta nella modalità più matura e interessante possibile.
Iniziamo a dare una definizione omogenea del fenomeno dell’ “adolescenza”. In termini di periodo di vita, può essere banalmente definita come una fase intermedia tra la pubertà e la maturità. In termini prettamente psicologici, può essere considerata come una modalità costante e tumultuosa della psiche di rispondere al mondo, di vivere se stessi e gli altri. Tali vissuti e tali risposte sono spesso contraddistinte da incertezza, insicurezza, angoscia per quello che verrà, sconvolgimenti pulsionali, paure, imprevedibilità, forte conflitto tra bisogni di sicurezza/protezione ed esigenze sempre più pressanti di libertà.
In ogni caso, l’elemento base che caratterizza questo tumultuoso periodo della vita è quello della trasformazione: qualsiasi tipo di trasformazione costituisce uno sconvolgimento per un individuo, piccolo o grande che sia. Anche una semplice promozione sul posto del lavoro per un adulto può rappresentare un vero e proprio sconvolgimento, seppur positivo: il problema è che ci si confronta comunque con un cambiamento, con l’abbandonare una fase importante del passato per affrontarne una nuova e sconosciuta (seppur stimolante). In termini più simbolici, il cambiamento (dal più piccolo al più grande) ci confronta inevitabilmente col tema della morte.
Figuriamoci allora cosa possa rappresentare un cambiamento così epocale come l’adolescenza per un ragazzo: di fronte a quali straordinarie novità egli inizierà a confrontarsi? E soprattutto, quante “cose” dell’infanzia dovrà a poco a poco lasciarsi alle spalle?
Nel prossimo articolo affronteremo nel dettaglio i principali cambiamenti che attraversano la vita di un adolescente e come un genitore può cercare di fronteggiarle.
Non perdetevi il prossimo (imminente) lavoro!